I due cicli magmatici

1° ciclo: Vulcanesimo basico

Mentre si depositavano le marne, da fessure della crosta marina, circa 42-43 milioni di anni fa, nell'Eocene superiore, cominciò ad uscire una lava scura e fluida che si espanse sul fondo, ricoprendo le rocce preesistenti.

eruzione sottomarina

Questa lava ha formato le rocce basaltiche, di colore scuro, con una quantità di silice inferiore al 50% costituita da silicati di magnesio e ferro (pirroseni), e calcio (plagioclasi) in matrice microcristallia con fenocristalli.

basalto basalto andesitico breccia di esplosione

Basalto - Basalto Andesitico - Breccia di esplosione

M. OlivetoAttualmente le rocce basiche le possiamo trovare a Castelnuovo (basalto andesitico), Vò Euganeo, Teolo, Boccon, Monte Oliveto (foto a destra) e parte di Monte Castello.

 

tufo basalticoLa lava è stata accompagnata dall'emissione di prodotti piroclastici (tufi) come nella foto a sinistra (Castelnuovo), formati da ceneri, lapilli, scorie mescolate ai sedimenti, a causa delle esplosioni (M. Fasolo) provocate dalla penetrazione di acqua nei condotti magmatici.

Il basalto ha formato inoltre dei pillow e ialoclastiti, cioè rocce vetrose che si frantumano a contatto con l'acqua.

 

Dopo questo primo ciclo eruttivo è seguito un periodo di relativa calma, in cui continuavano a depositarsi le marne euganee.

 

2° ciclo: Vulcanesimo differenziato

Circa 30 - 33 milioni di anni fa, nell'Oligocene inferiore, si ebbe una nuova fase vulcanica, sempre sottomarina, con magma di natura diversa, più acido e viscoso, che sollevò e frantumò gli strati sovrastanti, ricoprendo parzialmente i sedimenti calcarei e le rocce basaltiche del precedente ciclo eruttivo.

forche del diavolo

 

Riolite

La riolite, di colore generalmente chiaro, contiene una quantità di silice superiore al 67% (rioliti alcaline) o 74% (rioliti alcaline persiliciche) costituita da quarzo, ortoclasio e plagioclasi.

riolite alcalina riolite alcalina persilicica

Riolite alcalina e alcalina persilicica

fessurazione colonnareLa riolite alcalina è presente sul Monte Ricco (foto qui sotto), Monte Cinto (nella foto a destra la fessurazione colonnare sul Monte Cinto), M. Ortone, M. Solone, M. Rua, M. Delle Valli.

M. Ricco

La riolite alcalina persilicica si trova invece sui Monti Venda e Vendevolo (foto in basso), M. Brecale, M. Orsara, M. Ventolone, M. Piccolo.

M. Vendevolo e Venda

La riolite può formare filoni come quelli delle "Forche del Diavolo" (prima foto in alto) e dei "Denti de la Vecia". A volte, in seguito al brusco raffreddamento, la riolite si presenta brecciata, in facies ignimbritica o addirittura in facies vetrosa di tipo perlitico.

breccia riolitica ignimbrite riolitica perlite

Breccia riolitica del M. Spinefrasse
Ignimbrite riolitica
Perlite del M. Alto

 

Trachite

La trachite è una roccia magmatica effusiva, di colore grigio o giallognolo con piccoli cristalli scuri di mica e zone più chiare di feldspati, molto importante dal punto di vista economico.
Dal punto di vista chimico è una roccia neutra, con una percentuale in silice tra il 65% e il 55%. Il termine di passaggio tra la riolite e la trachite è la quarzotrachite alcalina, seguita dalla trachite alcalina (nell'ordine, prima e seconda foto qui sotto) e infine la trachite in senso stretto.

quarzotrachite alcalina trachite alcalina

La quarzotrachite si trova sul Monte della Madonna, M. Grande (la foto a sinistra evidenzia la fessurazione colonnare), M. Rusta (foto a destra), M. Cero.

M. Grande M. Rusta

Montemerlo, M. Altore, M. Comun, M. Bello, M. Lozzo (foto a sinistra) sono formati da trachite alcalina, mentre M. Rosso, M. Lonzina e Monte Gemola (foto a destra) sono di trachite.

M. Lozzo M. Gemola

La trachite si può trovare brecciata, come nel camino d'esplosione di Villa Draghi (foto a sinistra) o in filoni, anche imponenti, come Rocca Pendice, dove, nella foto a destra, si presenta con fessurazione colonnare.

breccia trachitica filone di trachite con fessurazione colonnare

 

Rocce basiche

La latite, di colore scuro, ha una percentuale in silice compresa tra il 55% e il 50% e fenocristalli di pirosseno, anfibolo, plagioclasio.

latite camino di esplosione breccia latitica

Latite - Camino di esplosione con breccia latitica - Breccia latitica del Ceva

Questa roccia si trova a Baone nel laccolite di M. Cecilia (foto a sinistra, dove si vede la fessurazione colonnare), sul M. Croce (foto a destra), M. Ceva e M. Sengiari. In quest'ultimo è visibile il camino di esplosione riempito da breccia latitica. Il gruppo del M. Ceva è inoltre ricoperto da un'imponente coltre di brecce prodotte dal repentino raffreddamento della lava a contatto con l'acqua.

M. Cecilia M. Croce

Oltre alla fessurazione colonnare, la latite presenta spesso una esfoliazione cipollare, ben evidente nel M. Cecilia e Baiamonte foto a sinistra).
Vista la fluidità della lava sono spesso presenti filoni latitici anche importanti, come quello di Calto Contea che si è insinuato orizzontalmente tra le marne (foto a destra).
A Baone è possibile trovare anche l'andesite.

esfoliazione cipollare filone di latite al tetto

filone basalticoIl ciclo terminò con filoni basaltici il cui basso tenore di silice li rende fluidi e in grado di incassarsi facilmente in altre rocce. Nella foto a destra è evidenziato un filone basaltico incassato nella riolite sul M. Brusà.

 

Alla fine del ciclo eruttivo le cime più alte emergevano dall'antico mare formando un arcipelago di ripidi isolotti.

isolotti vulcanici

L'attività eruttiva euganea si è manifestata dunque quando le altre zone del Veneto erano in fase di quiescenza. Nei Lessini, infatti, il vulcanesimo è stato attivo nel Paleocene e nell'Eocene inferiore e medio, e solo alla fine del secondo ciclo eruttivo euganeo riprese l'emissione di lava basaltica nei Berici e nel Marosticano.